Stampa questa pagina

Serbia

Vota questo articolo
(0 Voti)

La Serbia è uno Stato del sud-est dell'Europa, nella regione dei Balcani. Confina con l'Ungheria, la Romania, la Bulgaria, la Macedonia, l'Albania, con il Montenegro, la Bosnia ed Erzegovina e la Croazia. La capitale è Belgrado, che fino al 1990 era anche la capitale dell'ex Jugoslavia.

Storia

golubac2Medioevo
Per molto tempo i serbi vissero divisi nei due patriarcali principati di Raška e Zeta. Nel 1170, Stefan Nemanja, grande zupano (veliki župan) di Raška, che aveva preso il potere nel 1166 dopo la battaglia di Zvečan (Kosovo), detronizzando ed esiliando i fratelli rivali, riuscì ad estendere il suo dominio sulle tribù serbe e sulla regione di Zeta (l'attuale Montenegro). All'epoca del passaggio della terza crociata, capeggiata da Federico Barbarossa, Stefan Nemanja tentò di assicurarsi l'appoggio dei crociati; si incontrò perfino con il Barbarossa a Niš, nel 1189, e poi di nuovo l'anno seguente, ottenendo dall'imperatore di Bisanzio, Isacco II Angelo, il riconoscimento dell'indipendenza della Serbia.

Dopo aver abdicato a favore del suo secondo figlio Stefan II detto Prvovenčani (1196-1227) ed avergli ceduto la corona di principe di Raška (al primogenito Vukan II era stato affidato invece il Principato di Zeta), Stefan Nemanja si ritirò inizialmente nel monastero di Studenica ed in seguito in quello di Vatopedi sul monte Athos, dove si trovava già un altro dei suoi figli, Rastko, il figlio minore, più noto con il nome di Sava. Stefan I riuscì, con difficoltà, a conservare l'indipendenza della Serbia, sia nei confronti dell'Impero latino di Costantinopoli, formatosi dopo la quarta crociata, che dall'Impero bizantino, ricostituito a Nicea.

Nel 1219 Sava, riconosciuto come metropolita della Chiesa serba diventata indipendente, incoronò il fratello Stefan; di fatto si trattò di una seconda incoronazione, dal momento che il papa Onorio III aveva già inviato, nel 1217, una corona reale a Stefan II, sperando invano di riunire la Chiesa serba a quella di Roma.

Stefan I fu il vero fondatore della monarchia serba a vantaggio della dinastia dei Nemanjic. Alla sua morte, nel 1228, la Serbia completò la propria riorganizzazione attorno alla Raška, che divenne il centro di maggiore importanza durante il regno dei figli di Stefan II: Radoslav (1227-1233), Vladislav (1233-1243) e Uroš I (1243-1276).

La dinastia dei Nemanjic era riuscita a tenere la Serbia distante dalle crisi che all'epoca devastavano i Balcani ed a mantenere il Principato indipendente. Durante il regno di Stefan VI Uroš II (1282-1321) e di Stefano VII Uroš III (1321-1331), la Serbia estese il suo potere in Macedonia e in Bulgaria, ma fu con Stefan IX Uroš IV Dušan (1331-1355) che essa conobbe il suo apogeo e il massimo fiorire della sua civiltà. Stefan IX Uroš IV Dušan regnava all'epoca su di un "impero" che comprendeva la Raška, la Zeta, la Macedonia, l'Albania e la Tessaglia, per giungere infine al golfo di Corinto. Fu allora che la Serbia si rese definitivamente indipendente dalla tutela del patriarca di Costantinopoli e, nel 1346, l'arcivescovo di Peć fu elevato al rango di "patriarca di tutti i serbi". Da quel momento fino ad oggi il patriarca di Peć sarà eletto da soli vescovi serbi. D'altronde fu proprio questo patriarca ad incoronare nello stesso anno, a Üskub (Skopje), Stefan IX Uroš IV Dušan col titolo di "Imperatore dei Serbi e dei Greci". La tradizione ha fatto di Stefan Dušan il "Carlo Magno della Serbia".

beograd222La dominazione ottomana
Con la sconfitta avvenuta il 15 giugno 1389, quando il principe ottomano Murad I sbaragliò l'esercito cristiano guidato dal principe serbo Stefan Lazar Hrebeljanović chiamato anche Knez Lazar, nella storica battaglia della Piana dei Merli (odierna Kosovo Polje), ed i successivi scontri nel nord del Paese, per la Serbia iniziò un lungo periodo di dominazione ottomana (1459-1804). Le terre dei serbi diventarono proprietà del sultano che le trasformò in feudi militari ereditari o attribuiti a vita a funzionari turchi.

Come era avvenuto già in Bulgaria e in Albania, i contadini serbi diventarono fittavoli (chi affitta terreni coltivabili) degli occupanti turchi e tutte le famiglie serbe dovettero rifornire periodicamente l'esercito di reclute per il corpo dei Giannizzeri. La Chiesa ortodossa serba diventò a quel punto l'anima della resistenza. All'inizio dell'occupazione turca, la tolleranza era quasi totale e il patriarcato serbo di Peć venne ristabilito nel 1557, ma, dopo il fallimento della rivolta del 1688-1690, migliaia di serbi guidati dal Patriarca di Peć Arsenije III dovettero rifugiarsi in Ungheria, dove il re Leopoldo I concesse loro terre e privilegi: questa fu l'origine della presenza di popolazione serba nelle provincie meridionali dell'Ungheria. Per rappresaglia, i turchi soppressero il Patriarcato di Peć e il clero serbo rimasto in patria venne annesso alla chiesa ortodossa greca.

Le terre serbe nel IX secolo secondo il De Administrando Imperio dell'imperatore bizantino Costantino VII
La Serbia, con l'inizio del XIX secolo, sostenuta anche dall'Impero russo, cercò di aumentare la sua autonomia rispetto all'Impero Ottomano strutturandosi nel semi-indipendente Principato di Serbia (1815) che si caratterizzò con una lotta interna fra le due dinastie più potenti del Paese, gli Obrenović e i Karađorđević. Il risveglio dei serbi di Serbia non fu solamente politico ma anche intellettuale. L'insegnamento compì sensibili progressi: nel 1835, secondo i dati dell'epoca, vi erano in Serbia 60 scuole elementari e nessun istituto superiore; nel 1859, il numero delle scuole elementari era arrivato a 352, di cui 15 riservate alle ragazze, alle quali bisogna aggiungere l'istituto di istruzione superiore di Belgrado, aperto nel 1855. Tuttavia i serbi di Serbia erano nettamente in ritardo in questo campo rispetto a coloro che vivevano nell'impero asburgico.

PetarI KaradjordjevicDall'indipendenza alle guerre mondiali
Nel 1878 il congresso di Berlino riconobbe l'indipendenza della Serbia e del vicino Montenegro. All'indomani del congresso di Berlino, in cui venne ufficialmente riconosciuta come Stato sovrano, la Serbia rimaneva un piccolo paese con poco più di 50.000 km quadrati, con strutture arcaiche e una popolazione di poco inferiore ai 2 milioni di abitanti. Senza accesso al mare, priva di ferrovie, la Serbia era costituita da un'immensa società contadina di piccoli e medi proprietari, le cui attività principali consistevano nella coltivazione dei cereali, nell'arboricoltura e nell'allevamento di maiali. Le poche industrie manifatturiere erano specializzate nella trasformazione di prodotti agricoli. La sola città importante all'epoca era Belgrado, la capitale, con circa 30.000 abitanti.

I due Stati parteciparono alle guerre balcaniche (1912-1913) contro Turchia prima e Bulgaria poi, uscendone rafforzati e ampliati territorialmente. Il progetto di una possibile unificazione dei due Regni fu bloccato però dall'Austria-Ungheria. La stessa Austria-Ungheria dichiarò, poco tempo dopo, guerra al Regno di Serbia, a seguito dell'assassinio dell'arciduca Francesco Ferdinando avvenuto a Sarajevo da parte di Gavrilo Princip, un nazionalista serbo-bosniaco, che fu il pretesto che provocò la prima guerra mondiale.

Dopo la conclusione della prima guerra mondiale, la Serbia, che era stata impegnata in guerra dalla fine del luglio 1914 e aveva subito perdite umane pari a quelli delle potenze occidentali, uscì grazie all'acquisizione della Vojvodina ingrandita dal conflitto e dalla Conferenza di pace di Parigi del 1919, diventando parte del Regno dei Serbi, Croati e Sloveni, che dal 1929 divenne Regno di Jugoslavia sotto la dinastia dei Karađorđević.

Durante la seconda guerra mondiale, a seguito dello smembramento del Regno di Jugoslavia, la Serbia divenne uno Stato fantoccio della Germania nazista, affidato da Hitler al generale Milan Nedić, lo stesso che nel 1918 fece firmare la resa agli Imperi Centrali, in modo simile al generale Pétain in Francia, ed al nazista serbo Dimitrije Ljotić. Il Governo filonazista di Nedić collaborò pienamente con la Germania sino alla liberazione congiunta della capitale da parte dell'Armata Rossa e dei partigiani jugoslavi nell'ottobre 1944.

tito biggestIl maresciallo Tito, che era a capo del movimento comunista della Resistenza jugoslava, in quell'occasione abbandonò l'isola di Lissa, dove risiedeva sotto protezione inglese, e si trasferì a Belgrado, dove, per rendersi accettabile alla città ostile al comunismo, concedette ampie amnistie ai collaborazionisti, integrandoli nell'Armata Popolare di Liberazione, e perseguitò aspramente gli oppositori fino a costringerli alla resa.

La Jugoslavia socialista di Tito
Dopo la Seconda guerra mondiale, la Serbia ha costituito una delle sei Repubbliche della Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia (1945-1991), guidata per un lungo periodo da Tito. Immediatamente dopo la morte del maresciallo, avvenuta il 4 maggio 1980, i nazionalismi e i particolarismi etnici e religiosi si risvegliarono.

Destinazioni turistiche interessanti

Sremska Mitrovica sorge 75 km da Belgrado  edificata sulle fordamenta dell"antica citta romana di Sirmium. Situata all"incrocio di vie terrestrie fluviali, la citta di Sirmium e diventata una delle piu grandi meropoli del suo tempo.  A Sirmium sono nati gli imperatori Decio, Probo, e Massimo. Oggi nel centro della citta di Sremska Mitrovica si possono visitare i resti del Palazzo Reale, della basilica cristiana, dell"antico acquedotto, metre affreschi e mosaici sono esposti al Museo di Sremska MItrovica.

Non lontano dalla citta di Požarevac si traovano i resti di Viminacium, uno dei primi accampamenti militari sul Danubio. La citta era la capitale della prvincia della Mesia Superiore e il principale centro militare del confine orietale  dell"impero.

A Gamzigrad vicino a Zaječar 250 km a est di Belgrado si estendono le rovine del palazzo imperiale di Romuliana, costruito  dall"imperatore Galerio all"inizio del IV secolo nella sua citta natale. Felix Romuliana e uno dei piu interessanti monumenti dell"epoca .

La Felix Romuliana e parte del patrimonio culturale mondiale UNESCO.

Niš (Naissus) la citta di nascita di Costantino il Grande. Attraverso l"antica citta di Niš passavano le strade principali che collegavano la parte occidentale all parte orientale  dell"Impero Romano. Il periodo di massimo splendore di Naissus fu sotto l"Impero di Costantino. Le statuette di bronzo, i peatti, le monete e un busto ormanetale femminile in bronzo  sono esposti nel Museo Nazionale di Niš.

All"interno del grande  complesso di Mediana sorgeva la villa imperiale, circondata da un colonnato aperto  dalla residenze estive, dalle terme a da altri numerosi edifici..

Tour turistici in Serbia

Letto 6472 volte

Galleria immagini